Antiquariato Siena: tra collezionismo di contrada e artisti unici

Siena è una città dalla tradizione storica e artistica che risale al medioevo e che viene ammirata in tutto il mondo. I senesi (anche se non sono collezionisti così come si intendono genericamente) difficilmente si separano da oggetti che riguardano il Palio o la propria città, per la quale hanno un amore sconfinato, tanto più se sono oggetti d’epoca o di antiquariato.

Nonostante questo, nel corso del tempo sono riuscito ad avere oggetti piccoli e grandi, più o meno preziosi,  che riguardano l’arte e l’antiquariato di Siena.

Qualche esempio?

Si tratta di cartoline e stampe d’epoca – tra cui spiccano quelle d’autore di Duilio Cambellotti o spille e distintivi delle contrade, libri e stampe.

Sono particolarmente legato a molti di questi oggetti perché rappresentano la tradizione secolare della mia città, ma ce ne sono alcuni, in particolare, che prendono un posto speciale nella Galleria del Novecento.

Le medaglie del Palio di Siena

È un progetto nato nel 2017, grazie alle collaborazioni con artisti affermati a livello nazionale ed internazionale e alla Picchiani e Barlacchi, azienda storica fiorentina.

Medaglia del Bruco – ORO

Si tratta di una serie unica di medaglie, approvata dal Consorzio del Palio di Siena, ideate e disegnate da artisti come Alberto Inglesi, Pierluigi Olla e Ezio Pollai e coniate dalla Picchiani e Barlacchi, che ha già collaborato alla realizzazione di masgalani e altri oggetti di contrada.

Le Medaglie del Palio di Siena sono in serie unica a tiratura limitata in poche centinaia di pezzi, garantita su ogni esemplare con numerazione progressiva araba.

La serie, ad oggi, conta 4 medaglie in oro, argento e bronzo, tra le quali una che riguarda il Palio e le altre dedicate alle prime 3 contrade (in ordine alfabetico): Aquila, Bruco e Chiocciola.

Nel tempo il progetto si arricchirà delle medaglie di tutte e 17 le contrade che ogni 2 luglio e 16 agosto si contendono la gloria in Piazza del Campo.

I dipinti di Francesco Mori

Sempre legate alla città e alla tradizione paliesca sono le opere di Francesco Mori, che nel 2015 ha avuto l’onore di dipingere il drappellone del Palio di Luglio.

Il suo percorso artistico è iniziato come autodidatta, per poi proseguire come pittore, incisore, calligrafo e miniatore.

Nella Galleria del Novecento ho voluto rendere omaggio alla sua produzione artistica con diverse opere e ho spesso organizzato alcuni incontri tra l’artista e tutti gli appassionati, per mettere in evidenza il processo di ideazione e lavorazione che sta dietro la sua arte.

Questi sono solo alcuni dei progetti artistici che prendono posto all’interno della Galleria e che cerco di variare nel tempo, per dare spazio a tutte le eccellenze di antiquariato a Siena e alle opere d’arte frutto della tradizione cittadina.

Per visitare di persona la Galleria, vieni a trovarmi nel cuore di Siena dal Martedì al Sabato dalle 11.30 alle 20.00.

5 thoughts on “Antiquariato Siena: tra collezionismo di contrada e artisti unici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *